Estate e corsa

Categoria: Correre Tra Cielo E Mare
Pubblicato Venerdì, 13 Giugno 2014 12:39
Scritto da Jacopo Borniotto
Visite: 1903

Estate. Tempo di corse al caldo. Tempo di sudore che scorre abbondantemente e solo San Neutro Roberts ci permette di stare in scia al compagno di allenamento senza farci venire in mente la fogna di Calcutta. Estate. Caldo e poca voglia di correre. Finalmente, dopo estati passate a preparare questa o quella gara sono di felice cazzeggio. Ormai lo shock della Abbots’ è passato e sto continuando ad allenarmi. Ma, in realtà, corro poco. Stando in giro dalle 6 della mattina con 34 gradi, arrivato a sera, in tutta onestà, pensi di aver faticato anche abbastanza. Pertanto corro se riesco, oppure mi rintano nella palestra della Canottieri a fare pesi e, soprattutto, tante chiacchere con gli amici. Nelle prossime settimane almeno un allenamento sarà fatto in mare, vogando per il nostro meraviglioso Golfo. Per riaffrontare i sentieri ho ancora tanto tempo davanti a me.

Ma voi no! Voi continuate a correre come potete e come meglio potete. La cosa fondamentale è non seguire i “prodi” che, dopo anni di totale inattività, decidono di recarsi da Decathlon per partire “di slancio” ed affrontare al 100% la prova costume. Ricordate: ne ammazza più Decathlon che le stragi del sabato sera.

 

Queste sono le cose che dovete assolutamente fare od evitare durante i giorni di canicola. Innanzitutto evitate come la peste di correre con il kway. Solo pochi kamikaze votati alla morte lo fanno. Se li osservate vedrete dei “runner” non in perfetta forma fisica (eufemismo per dire che sembrano balene spiaggiate) che arrancano sotto il sole….quindi: don’t try this at home…il colpo di sole è in agguato. Se vai sulla pista ciclabile…mi spieghi cosa te ne fai del gps, degli auricolari, dell’ iphone attaccato al braccio…minchia! Sei sulla pista C I C L A B I L E…stai sereno che non ti perdi! Il giubbino giallo fosforescente serve per farti vedere di notte, in inverno e tra i banchi di nebbia. Oggi sono 40 gradi ed inoltre non traspira bene….toglitelo. Le scarpe Converse, anche se fanno tendenza, forse, non sono buone per cominciare a correre. Se il tuo respiro sembra quello di un muflone muschiato in calore…beh….forse dovresti diminuire un po’ l’andatura. Il pantalone lungo va bene d’inverno ma evidentemente, qui siamo prossimi al solstizio d’estate….puoi toglierli.

E poi il mio vero eroe. Ce ne sono pochi esemplari in giro ma se riesci ad incontrarne uno è una soddisfazione unica. Li chiamo “Non disturbarmi sto preparando Brasile 2016”. Ossia agghindati di tutto punto dagli auricolari al cardiofrequenzimetro al triplo gps al…tutto….si aggirano con sguardo cagnesco sulla ciclabile o intorno alla maggiolina. Io per educazione e “senso di appartenenza” faccio sempre un cenno di saluto a quelli che incontro…questi mai una volta che rispondessero…troppo impegnati…. Ma dove xxzzo vai che sembri un terminator e stai andando a 5 al km????? Infatti, ormai assuefatto alla mia nuova vecchia vita da criceto vintage mi sono messo, un paio di sere a studiarli attentamente e mi sono posto una domanda. Ma se sei tutto cosi convinto…e ti doppio facilmente….ma dove vai??? Insomma…ormai sono insofferente…devo tornare  a fare l’eremita sui sentieri……

Poi basta vedere un Mario Viola che ti scartavetra a 3.40 ma non si risparmia mai un sorriso ed un ciao per capire che, in fondo, i veri runner sono persone squisite!

 

A presto, magari sui sentieri!

Jacopo

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione "Informativa Cookie"